Le gengive sane non sanguinano

Se le gengive sanguinano non è un sintomo positivo, perché è un chiaro segnale che potrebbe essere in corso un’infiammazione alle gengive. Questa è una premessa importante, perché chi quotidianamente si ritrova lo spazzolino sporco di sangue mentre cura la propria igiene orale, oppure vede che del sangue fuoriesce dalle gengive, dovrebbe allarmarsi e cercare di capirne le cause per risolvere il problema. Perché le gengive sanguinano? In genere avviene quando c’è una carica batterica troppo forte, ovvero perché i denti vengono lavati male o in modo insufficiente, oppure perché la placca si deposita attorno ad apparecchi e protesi senza essere rimossa e così. Quindi di fronte a questo problema va migliorata l’igiene orale, per evitare che la placca si trasformi in tartaro. Alcuni altri fattori (come gravidanza, fumo, farmaci, carenze vitaminiche, l’uso di uno spazzolino troppo duro) possono provocare o facilitare il sanguinamento: ma in questi casi ovviamente la soluzione è più immediata o le cause vanno gestite in altro modo. In caso di infiammazione alle gengive, ovvero gengivite, si rischia che la malattia evolvi in parodontite, che è stato dimostrato recentemente accresce anche i rischi del sistema cardiovascolare. Per questo, nel momento in cui si manifestasse questo problema, è indispensabile porvi rimedio e sottoporlo al dentista, perché possa consigliare il trattamento più idoneo e manovre di igiene dentale più efficaci, compresa la correzione di manovre improprie con il filo interdentale o con lo stuzzicadenti.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Search

+